DA SCOTT FITZGERALD A REVOLUTIONARY ROAD. La via verso se stessi.


Ho visto recentemente una serie tv e un film: Z the beginning of everything su Zelda Scott Fitzgerald moglie del celebre Francis Scott Fitzgerald e Revolutionary Road tratto dal romanzo omonimo di Richard Yates.
Z dal punto di vista qualitativo è appena discreto: la fiction tende a sottolineare gli aspetti più scandalosi dei coniugi Fitzgerald notoriamente libertini (specie Zelda) e avvalendosi di attori non esattamente di primissimo piano. In generale sembra tutto troppo artificiale, troppo costruito, troppo recitato il che conferisce alla fiction delle sfumature da soap opera.
Revolutionary Road invece è un gran bel film, con due attori eccezionali come Leonardo di Caprio e Kate Winslet già protagonisti de Titanic. Immagino del resto che se il film è estremamente interessante ed emotivamente coinvolgente, il romanzo debba essere ancor più ricco di implicazioni fino ad essere addirittura epifanico come una rivelazione.
Al di la del valore artistico entrambe le fiction possiedono una caratteristica importante che è quella di trasmettere un messaggio diciamo così pedagogico, ma senza eccedere o scadere nel moralismo astratto. La pedagogia insita nelle due opere riguarda il successo o il fallimento o meglio quali sono i presupposti del successo o dell’incompiutezza in qualsiasi settore della vita.
….
IL COMPIMENTO.
Francis Scott Fitzgerald emerge dalla fiction come l’uomo estremamente determinata che in effetti era. Dai suoi atteggiamenti e dalle sue parole risultano alcuni aspetti fondamentali che sono stati decisivi al suo compimento e che si possono così riassumere:
A) scoperta precoce del proprio miglior talento;
B) sua oggettivazione in un obiettivo concreto e solido;
C) focus assoluto e massima concentrazione sull’obiettivo oggettivato.
Tradotto nel caso specifico significa che Scott Fitzgerald scopre e asseconda fin da adolescente il suo talento per la scrittura creativa senza badare alle opinioni non richieste di chi vorrebbe dissuaderlo, indirizza questo suo talento verso l’obiettivo concreto di diventare uno scrittore di successo, concentra tutta le sue facoltà verso il raggiungimento di quell’obiettivo riducendo al minimo le sue distrazioni. Non meno di quanto un monaco sia dedito alla preghiera allo stesso modo Scott Fitzgerald ha devoluto tutto se stesso alla sua missione in questo aiutato dalla moglie Zelda che da donna volitiva qual’era credeva fortemente alle capacità del marito di compiersi come scrittore nonostante la sua fragilità emotiva da un certo punto in poi creò notevoli problemi allo scrittore.

L’INCOMPIUTEZZA.

Al contrario i coniugi Wheeler protagonisti di Revolutionary Road scoprono a un certo punto della loro vita di essere degli incompiuti. Non hanno creduto alla valorizzazione del loro talento più autentico che tuttavia continua a permanere nel fondo della coscienza rivendicando la sua esistenza. Il soffocamento delle proprie legittime ambizioni non può essere sepolto insoddisfatto nelle pieghe dell’inconscio troppo a lungo pena il suo trasformarsi in nevrosi.
I coniugi Wheeler sono diventati esattamente quello che non volevano essere: il marito voleva assolutamente evitare di intraprendere la carriera di impiegato aziendale intrapresa dal padre e la moglie sognava una vita meno prosaica di quella della casalinga. Entrambi hanno ignorato il loro miglior talento che si esprime in ambizione di auto-realizzazione e sono rimasti degli incompiuti.
Qualche occasionale tradimento dettato dalla disperazione non serve a conferire un residuo di vitalità alla coppia, ma solo a ribadirne vuoto pneumatico nichilista che la caratterizza.
A questo punto della vicenda scatta il classico meccanismo psicologico in base al quale si desidera fortemente un cambiamento diretta a una svolta rivitalizzante senza tuttavia avere chiaro verso quale fine dirigere la svolta stessa. A differenza di quanto accaduto a Francis e Zelda Scott Fitzgerald i coniugi Wheeler vogliono fuggire da qualcosa, ma senza sapere verso dove dirigersi: il loro è un fuggire da molto più che un andare verso. Da qui il loro velleitarismo che li porta all’elaborazione di un obiettivo ideale che possa fungere da richiamo, ma che tuttavia ha il solo compito di vicariare o sostituire il vero obiettivo che resta inespresso. Il signor e la signora Wheeler e relativa prole decidono pertanto di dare la svolta nel modo che a loro sembra più facile ossia programmando un velleitario trasferimento a Parigi che fin dalle prime fasi appare a tutti tranne che a loro del tutto irrealistico.
E’ evidente infatti che cercare di dare una svolta semplicemente dislocandosi altrove è solo un inganno che ha solo l’apparenza del cambiamento esistenziale, ma non la sostanza: infatti non è con un semplice cambiamento di residenza geografica che i coniugi Wheeler possono liberarsi dei loro fardelli esistenziali e della loro incompiutezza che li seguirà ovunque essi decidano di vivere.
Ma qualcosa si risveglia alle soglie della consapevolezza: Frank e April a un certo punto sembrano divenire consapevoli del fatto che stanno ingannando se stessi. Scatta allora un secondo meccanismo psicologico: quello dell’ auto-boicottaggio. In primo luogo Frank ottiene una promozione lavorativa prima debolmente respinta poi accettata forse con l’intento di creare un buon pretesto che ostacoli il trasferimento. In secondo luogo
la signora Wheeler resta incinta e pertanto il progettato trasferimento a Parigi vacilla ulteriormente a causa degli inevitabili problemi logistici ed economici che la nascita di un neonato comporta.
Registriamo a questo punto del film (e del romanzo) un colpo di scena geniale: entra in scena un personaggio tipicamente pirandelliano cioè un uomo con gravi turbe mentali figlio di una coppia di coniugi più anziani che, come tutti coloro che hanno delle turbe psichiche, gode del raro privilegio di potersi permettere di dire la verità in faccia alle persone senza temere di essere malmenato o denunciato. Egli dunque in un accesso furioso dice senza filtri ai coniugi Wheeler la verità: nonostante le apparenze contrarie che sembrano piuttosto indicare un “incidente di percorso” John e April Wheeler hanno deliberatamente per quanto inconsciamente deciso di avere un altro figlio per auto-boicottare il trasferimento avendo intuito che non poteva essere una semplice nuova realtà esterna a guarirli dal loro disagio intimo. Insomma il nascituro è un alibi utile a mascherare la loro codardia e ad offrire un pretesto auto boicottante.
Beninteso: un cambiamento territoriale va benissimo ed è salutare se la natura del problema risale a motivi accidentali ossia legati fattori quali il clima, i ritmi di vita troppo intensi, il desiderio di un maggior contatto con la natura, ma evidentemente non serve a nulla se il disagio ha a che fare con irrisolti fattori intrinseci quali appunto quelli dei coniugi Wheeler.
Insomma è un problema di cognizione molto più che di contesto: qualsiasi realtà esterna apparirò insoddisfacente se non cambia il proprio modo di percepire.
Ma c’è un’ altra ipotesi da considerare: i Wheeler si auto-boicottano non perché prendano coscienza della velleità delle loro ambizioni, ma perché la paura del cambiamento supera quella del mantenimento dello status quo. Insomma la paura di passare dalla padella alla brace produce l’immobilismo e quindi narcotizza ogni tentativo di evoluzione.
In ogni caso la vicenda della coppia, a cui abbiamo finito inaspettatamente per affezionarci, si conclude tragicamente: forse consapevole che un altro figlio ostacolerebbe l’agognato trasferimento per quanto velleitario o rischioso o per punire inconsciamente John di averle altrettanto inconsciamente impedito di realizzare un sogno ingravidandola April, che già in precedenza aveva manifestato l’intenzione di rinunciare al bambino, decide di abortire da sola in casa e all’insaputa del marito.
Ricoverata in ospedale a causa della grave emorragia che ne consegue April muore. Rimasto solo con i figli Frank Wheeler lascia la casa coniugale e si trasferisce a New York interamente dedito, o meglio interamente adattato, a quella carriera impiegatizia che già era stata di suo padre e che intimamente detesta consegnandosi così a una forse definitiva incompiutezza.

1 reply

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Andrea Bianchi - Drummer

Con music-pedia personale filmata incorporata risuonata dal sottoscritto.

Le parole non lette

Leggere, Scrivere, Condividere

In my viewfinder

Photography, Art, Italian photographer, Massimo S. Volonté Fotografo

La McMusa

Te la do io l'America

CORVI NERI ALL'URANIO IMPOVERITO

Credo davvero che quanto più s’allarga la nostra conoscenza dei buoni libri tanto più si restringe la cerchia degli esseri umani la cui compagnia ci è gradita

LetteratUSA.

Blog sulla narrativa americana contemporanea. David Foster Wallace, Jack Kerouac, J.D. Salinger, Kurt Vonnegut, John Fante, Don de Lillo e molti altri.

Archivio David Foster Wallace Italia

Blog sulla narrativa americana contemporanea. David Foster Wallace, Jack Kerouac, J.D. Salinger, Kurt Vonnegut, John Fante, Don de Lillo e molti altri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: